Terra Arte 2010 - Paladisi
Terra Arte 2011 - Egidio Iovanna, Germoglio di terra
Terra Arte 2011 - Mostra di Riccardo Dalisi e Nino Mustica
Terra Arte 2008 - Concerto dei Fluido Ligneo
Terra Arte 2011 - The Niro
InstantMuseum Mefite - Foto 54
Terra Arte 2009 - Elmar Zorn
Terra Arte 2009 - Luca Pugliese - Alla ricerca del...
Terra Arte 2012 - Convegno, Renucio Boscolo e Filippo de Filippi
Terra Arte 2009 - Giochi di luci
InstantMuseum Mefite - Rocca San Felice 6
InstantMuseum Mefite - Foto 04


Eventi / Terra Arte Festival / Terra Arte 2003



III edizione (7 Agosto 2003)

La terza edizione di Terra Arte è un omaggio al volto mistico dell’Irpinia, con Angelo Branduardi come testimonial d’eccezione. Nulla di più pertinente della sua musica per amplificare quel senso di fiaba che aleggia tra i ruderi longobardi di Sant’Angelo al Pesco.

Per l’occasione, il palcoscenico viene allestito proprio a ridosso delle imponenti vestigia archeologiche, offrendo al concerto un incantevole sfondo scenografico. «È un posto molto suggestivo» commenta Branduardi all’inizio del suo concerto «in alto soprattutto, con questa incredibile visuale che ricorda tempi antichi, a me notoriamente consoni. È un posto dove suonerò molto volentieri».

L’atmosfera è più che surreale, pervasa da un senso di medievalità onirica. Altissima l’affluenza di pubblico, con oltre 10.000 presenti.

Il concerto è un emozionante excursus nel quale confluiscono brani ormai leggendari, come Alla fiera dell’est, Cogli la prima mela, Vanità di vanità, ma anche i prodotti sperimentali dell’allora ultimo lavoro discografico Altro e altrove e i capolavori di L’infinitamente piccolo.

Il mistico palcoscenico di Terra Arte è anche il luogo scelto dai Fluido Ligneo per la presentazione del loro primo album, Endemico: una world music che affonda le sue radici in Irpinia, luogo che fa da sfondo a un dialogo con la coscienza, a un viaggio sospeso fra ricordi, sogni, emozioni. Il loro concerto, ad apertura della kermesse, si chiude proprio con un omaggio a Branduardi in un’inedita e originalissima versione del suo Il giocatore di biliardo.

Come di consueto, pittura e scultura animano il rudere archeologico. Protagonisti delle arti visive i maestri Ciro de Falco e Riccardo Dalisi, ai quali si affianca l'architetto Gianluca Francesca (cofondatore, l’anno successivo, di [archiattack]), con un’installazione di taglio minimale.

Il rudere è tutto un baluginio di luci e di colori. Dalisi offre al monumento i suoi Totocchi, sculture cariche di ironia, che sintetizzano nel medesimo personaggio l’essenza e il volto di Totò e di Pinocchio, mentre de Falco, ispirato dallo splendido scenario naturale del luogo, riserva al pubblico di Terra Arte un’ampia tela fregiata dal volo di centinaia di coloratissimi uccelli.



Tags : Angelo Branduardi, Ciro de Falco, Fluido Ligneo, Riccardo Dalisi, [archiattack], Sant'Angelo al Pesco