Terra Arte 2011 - Convegno, Mariangela Maritato e Felice De Rienzo
Terra Arte 2010 - Petra Magoni e Ferruccio Spinetti
Terra Arte 2011 - Nino Mustica, Pittura solida Steel
Terra Arte 2010 - Alla ricerca...
Terra Arte 2009 - Luigi Verdi
Terra Arte 2001 - Manifesto
Terra Arte 2009 - Incontro sul pianeta Terra
Terra Arte 2011 - Stefano Marangon, Maestro a San Marco
Terra Arte 2002 - Luca Pugliese - L'arcangelo Michele
InstantMuseum Mefite - Foto 26
Terra Arte 2010 - Luca Pugliese, Cosmo Sonoro
Terra Arte 2011 - Convegno, Peppe Iannicelli e Luca Pugliese


Musicisti / Peppe Barra



Interprete magistrale sia di canzoni che di tammurriate, di liriche teatrali e di poesie, Peppe Barra compone in unico affresco sonoro, melodico e ritmato, gli echi del passato e i moderni ritmi del Mediterraneo. Conoscitore e attento ricercatore di tradizioni popolari, Barra si dimostra particolarmente felice di contaminare i generi musicali. Il suo repertorio contiene pezzi classici e brani suoi o, di autori a lui vicini, sempre eseguiti in dialetto per dare maggiore forza al significato dei testi che hanno per tema esperienze autobiografiche: l'amore, la vita e la morte, quell’ironia e quel sarcasmo tutti partenopei che Barra esprime come nessun altro.

Agli inizi degli anni Novanta approda al suo esordio discografico come solista con Mo’ vene. Un disco (a cui partecipano Billy Cobham, Famodou Don Moye dell’Art Ensemble Of Chicago e l’adorata mamma Concetta) in cui vengono esaltate le sue camaleontiche e ricercate doti espressive e si afferma con forza la sua capacità di interpretare in maniera nuova la musica popolare.

Ad aprile 2001 esce il suo secondo disco, Guerra, presentato con grandissimo successo di pubblico e di critica al teatro Piccinni di Bari. Un lavoro commovente e intenso, che parla le lingue del Mediterraneo e consacra ancora una volta Peppe Barra tra quelle rare creature fatate che popolano il mondo. «Un disco che autenticamente legittima per una volta l’appartenenza di un artista napoletano alla World music» («la Repubblica»).

Non si contano, nel frattempo, gli spettacoli teatrali e i progetti che sanciscono la piena affermazione dell’artista partenopeo: dalla Nuova compagnia di Canto Popolare, alla registrazione per la Rai di venti tra le più belle favole de Lu Cunto de li Cunti di Giambattista Basile, poi tradotte nello spettacolo teatrale Lengua serpentina; dall’adattamento in dialetto lapoletano del brano Bocca di Rosa, voluto da Fabrizio e André e poi pubblicato nell’album Canti Randagi, alla partecipazione all’Opera da tre soldi di Bertold Brecht e Kurt Weill diretta dal maestro Heinz Carl Gruber nel ruolo di Mister Peachum, a voler citare alcune fra le esperienze artistiche di questi anni.

Dopo aver partecipato nel film Pinocchio di Roberto Benigni, nel quale interpreta la parte del Grillo Parlante, Barra riprende gli incontri con gli studenti nelle università, e lo spettacolo Peppe Barra racconta, riscuote grandissimo successo anche tra il pubblico giovanissimo. Partecipa alla trasmissione televisiva "Chiambretti c’è", mentre in giro per l’Italia rappresenta il Don Giovanni diretto da Maurizio Scaparro con musiche di Nicola Piovani. È inoltre importante segnalare la sua partecipazione al film Cuore Napoletano, insieme ad altri conterranei Enzo Gragnaniello, Pietra Montecorvino, Mirna Doris, e tanti altri. A dicembre del 2003 delizia il pubblico del Trianon con lo spettacolo La cantata dei pastori, mentre contemporaneamente esce nelle sale cinematografiche Opopomoz, un film cartoneanimato nel quale Barra doppia ben due personaggi. 


Oggi, Peppe Barra rappresenta l’Italia come maestro di voce ed è protagonista del recupero della tradizione popolare musicale e teatrale.


 

Biografia tratta e adattata dal sito ufficiale di Peppe Barra





Tags : Terra Arte 2005 | 2018

Links : Sito Web