InstantMuseum Mefite - Foto 23
Terra Arte 2009 - Giochi di luci
Terra Arte 2007 - Concerto di Ginevra di Marco
Terra Arte 2010 - Big Wave
InstantMuseum Mefite - Foto 08
Terra Arte 2007 - Ginevra di Marco
Terra Arte 2002 - L'Icaro di Ciro de Falco tra i ruderi longobardi di Sant'Angelo al Pesco, Frigento(Av)
Terra Arte 2003 - Cantiere III
InstantMuseum Mefite - Foto 46
InstantMuseum Mefite - Bosco della Rocca 2
Terra Arte 2012 - Luca Rossi, Il raccontaio
Terra Arte 2004 - Tony Esposito


Musicisti / Canti e incanti di Sicilia - con Katia Pesti, Giancarlo Parisi, Maura Guerrera



 

I canti tradizionali della Sicilia e le sonorità dei suoi tipici strumenti musicali (in particolare zampogna a paro e tamburello); strumenti dell’universo jazzistico come il saxello e il pianoforte preparato che diventa mondo sonoro contemporaneo, armonia e percussione.

Nasce da questo singolare mélange il progetto musicale Canti e incanti di Sicilia: i preziosi “canti” della tradizione siciliana che accompagnavano il ciclo della vita agro-pastorale (dalle ninne nanne ai canti di lavoro); gli “incanti”, che avevano una valenza magica, essenziale, al cospetto di una natura che metteva l’uomo a diretto contatto con il soprannaturale; e, infine, brani d’autore contemporanei che conservano, nelle tematiche e nella sonorità, i più significativi connotati del sentire siciliano.

Un progetto unico nel suo genere, che il trio Katia Pesti, Giancarlo Parisi e Maura Guerrera sta portano avanti nel panorama internazionale della world music.

Al pianoforte preparato c’è Katia Pesti. Pianista-percussionista, si è dedicata per anni allo studio della musica da camera, avviando parallelamente una ricerca sugli strumenti di paesi extraeuropei e rivolgendo la sua attenzione a nuovi linguaggi espressivi. Da qui lo studio degli strumenti a percussione e, infine, l’idea di produrre con il pianoforte suoni percussivi inserendo carte, piccoli strumenti e oggetti tra le corde. Le sue note s’incontrano e si fondono con i fiati del polistrumentista Giancarlo Parisi. Già noto per le sue collaborazioni con la Premiata Forneria Marconi e con Fabrizio De Andrè, ha inventato e brevettato un modello di zampogna a paro “cromatica”, che permette a questo strumento linguaggi e possibilità musicali finora inaccessibili e impensabili. La voce e il tamburello sono di Maura Guerrera. Ha studiato il tamburello siciliano con Fabio Tricomi e Pietro Morabito, e dal 1996 ha intrapreso lo studio dei modi del canto contadino, con particolare attenzione per la tradizione agro-pastorale siciliana. Ha seguito i seminari di Giovanna Marini presso la Scuola Popolare di Musica Testaccio e studia attualmente con Germana Giannini presso il Centro Arte e Cura della Voce con sede a Siviglia.

 

 

 


Tags : Terra Arte 2012