Terra Arte 2009 - Pietre sonore di Pinuccio Sciola. Performance
Terra Arte 2009 - Fluido Ligneo
Terra Arte 2011 - Giulia y Los Tellarini
Terra Arte 2007 - Alchimia di luci
Terra Arte 2007 - Massimo Ferrante e Luca Pugliese
Terra Arte 2011 - Luca Pugliese, Attraversando le stelle
InstantMuseum Mefite - Foto 07
Terra Arte 2009 - Mauro Pagani
Terra Arte 2001 - Luca Pugliese in concerto
Terra Arte 2002 - Virata su Terra Arte 2002
Terra Arte 2006 - Angelo Branduardi
Terra Arte 2011 - Luca Pugliese, Attraversando le stelle


Arti Visive / Gianni De Paoli



Da sempre affascinato dalle creazioni materiche, Gianni Depaoli inizia la sua attività artistica lavorando con i materiali più disparati quali resine, gomme, siliconi, ferro, cenere e ruggine, affiancati successivamente alla forma classica della pittura (olio e acrilica). Con profonda e interessante utilità didattica, comincia a sperimentare e riprodurre repliche di pesci, parti anatomiche e sezioni edibili. Il primo esperimento è sulla platessa: un’interessante esperienza che troverà un nuovo impulso, questa volta indirizzato verso forme d’arte ancora più elastiche.

Le sue installazioni (a parete e a terra), realizzate con materiale vario, sono indirizzate alla creazione di “situazioni limite”, necessarie per risvegliare e stimolare l’interesse dell’osservatore. Il compito di Depaoli è proprio quello di sollecitare lo spettatore a non essere il testimone passivo del degrado ambientale e intellettuale. Osservatore attento e sensibile della realtà che ci circonda, l’artista muove la sua guerra contro l’ipocrisia e la mistificazione, contro la decadenza dei valori, l’incuranza dell’uomo verso la natura e l’individualismo più esasperato. Fonte inesauribile delle sue creazioni, è la voglia incontrollabile di vedere oltre la soglia, quella di curiosare nel backstage della vita.

Gli elementi delle sue opere sembrano attraversare il supporto che le obbliga, tendono a recidere nervi e tessuti con la voglia inconscia di fluttuare libere in uno spazio senza limiti: la manipolazione di elementi organici (in prevalenza pesci), inglobati in resine trasparenti, tele o supporti vari, tende a fermare le lancette del tempo bloccandone, con gli ingranaggi, anche il processo di decomposizione. Soggetti che testimoniano il degrado o gli atti cruenti verso gli animali e le persone, vengono incartati nelle stesse pagine dei quotidiani che ne riportano la notizia fino a diventare un manifesto. Situazioni e argomenti vissuti di pancia, dalle viscere, con sofferenza: la stessa provata nel momento della creazione. Ed ecco che dita, mani e braccia, diventano le protuberanze dell’anima con il compito immane di materializzare le sensazioni, le impressioni, i presentimenti, lo stupore... Petrolio, acqua, sangue, materiale acrilico, olio, il riutilizzo dei materiali: elementi che deflagrano e traboccano dalle opere come da una versione rivisitata del Vaso di Pandora.

L’artista vive e lavora nel Canavese; ha esposto in musei e gallerie in tutta Italia.


(testo tratto e adattato dal sito ufficiale dell’artista: www.giannidepaoli.it)


Tags : Terra Arte 2011

Links : www.giannidepaoli.it