Terra Arte 2010 - Luca Pugliese, Cosmo Sonoro
Terra Arte 2009 - Saluto di benvenuto
Terra Arte 2011 - Alfio Antico
Terra Arte 2010 - Arnaldo Vacca
Terra Arte 2001 - Scultura di Riccardo Dalisi
Terra Arte 2007 - Scorcio
Terra Arte 2011 - Nino Mustica, Pittura solida Steel
InstantMuseum Mefite - Rocca San Felice 6
Terra Arte 2008 - Fluido Ligneo in concerto
Terra Arte 2004 - Terra Madre saluta il rudere di Sant'Angelo al pesco
Terra Arte 2011 - Ettore de Conciliis, particolare, su stampa fotografica, del Murale della pace
Terra Arte 2010 - Petra Magoni e Ferruccio Spinetti


Location / Guardia Lombardi



L’incanto del paese. Guardia Lombardi come modello europeo.


La crisi nelle relazioni fra uomo e ambiente, fra uomo e città – di cui il fenomeno oramai globale delle mega-città è palese espressione – mette a fuoco la cellula urbanistica più piccola, là dove l’habitat e il paesaggio si incontrano in un equilibrio possibile: il paese. Dopo la fuga dalle grandi città verso paesaggi solitari, la loro colonizzazione e viceversa, dopo la fuga, fino all’evacuazione del paesaggio, verso quei centri d’industria del lavoro che sono le grandi città, si impone la necessità di ricreare nuovi modelli urbanistici di abitazione e di lavoro, modelli che si possono trovare nei piccoli e medi centri ristrutturati e rivitalizzati.

Non mancano tentativi di rivitalizzazione di paesini e di piccoli borghi abbandonati, per esempio in Liguria. I risultati, tuttavia, non aiutano a immaginare nuovi nuclei di civiltà e di cultura. Si tratta di strutture oramai artificiali, quasi musei creati per custodire copie di una vita dei tempi passati.

Il progetto di ristrutturazione del centro storico messo in atto dal Comune di Guardia Lombardi in seguito ai danni provocati dal terremoto del 1980, merita di essere segnalato come modello europeo. Con intelligenza, competenza architettonica, urbanistica e artigianale, oltre che con grande affettuosità, i responsabili hanno convinto la gente del paese a seguire una doppia strategia urbanistica: creare piccole realtà urbanistiche e singoli paradisi architettonici (giardini, terrazze e piazzette) senza chiuderli ai vicini e all’intero paese, in modo che tutti i singoli scorci accoglienti formino un insieme. È un connubio fra l’idea rinascimentale di piazza come luogo di comunicazione e rappresentanza e quella romantica dell’idilliaco individuale. Per visitare tutte queste “invenzioni di spazi” non basta un unico passaggio. Si hanno, di tanto in tanto, nuove sorprese, si trovano nuove bellezze, inviti a fermarsi, a sostare e a riposarsi, a festeggiare questo spirito allegro, frutto delle nozze fra paese e borgo. E, come sempre succede quando gli uomini portano le proprie storie, i propri sogni e le proprie mitologie in un luogo, esso diventa magico e offre agli altri la possibilità di partecipare con la loro fantasia e la loro emozione alla vita del paese.

A Guardia Lombardi è possibile studiare queste qualità, negli spazi pubblici e privati, in un clima sociale particolare che dà a noi – eredi di grandi tradizioni di cultura e civiltà – la speranza per il futuro di riuscire a creare e a formare, nei nostri habitat, una vita che vale: grande tema dell’expo 2010 di Shanghai.

(Elmar Zorn, 30 giugno 2008)



Nel centro storico di Guardia Lombardi hanno avuto luogo le edizioni 2007 e 2008 di Terra Arte. Guardia Lombardi è inoltre il sito scelto per la decima edizione (2010).



Tags : Terra Arte 2007 | Terra Arte 2008 | Terra Arte 2010