Terra Arte 2011 - Convegno, performance di Giancarlo Parisi
Terra Arte 2008 - Scorcio
Terra Arte 2009 - Pinuccio Sciola e Luigi Verdi
InstantMuseum Mefite - Foto 51
Terra Arte 2001 - Scultura di Riccardo Dalisi
Terra Arte 2006 - Concerto di Angelo Branduardi
Terra Arte 2006 - Angelo Branduardi
InstantMuseum Mefite - Foto 12
InstantMuseum Mefite - Foto 02
InstantMuseum Mefite - Foto 21
Terra Arte 2004 - Archiattack - Terra Madre
Terra Arte 2009 - Luca Pugliese - Alla ricerca del...


Eventi / Terra Arte Festival / Terra Arte 2008



VIII edizione (14 Agosto 2008)

L’ottava edizione della rassegna ha di nuovo come scenario il centro storico di Guardia Lombardi.

L’idea diproiettare l’Irpinia oltre i propri confini, verso esperienze definibili come europee nell’accezione più ampia del termine, si traduce nella collaborazione con movimenti artistico-culturali altamente ambiziosi sotto il profilo culturale e sociologico.

In nome del rapporto di continuità fra paesaggio antropico e paesaggio naturale, fra il centro urbano e il bosco del monte Cerreto, già centrale nella precedente edizione, Terra Arte trasferisce simbolicamente il bosco nel borgo stringendo un significativo sodalizio artistico con Opera bosco, movimento culturale e Museo di Arte Contemporanea nella Natura. La sua fondatrice, Anne Demijttenaere, ospite del centro irpino per una settimana, con il materiale raccolto nel bosco adiacente il paese, realizza in situ e allestisce per l’occasione l’installazione Camminare di nuovo.

Altrettanto rilevante il sodalizio culturale con il movimento artistico internazionale “Scavare il futuro” che, oltre all’illustre scultore e designer Riccardo Dalisi, adepto di Terra Arte fin dalla prima edizione, annovera come fondatori il critico d’arte Elmar Zorn – docente di Progettazione d’Arte all’Università di Eccellenza di Vienna, curatore dell’Accademia delle Arti di Berlino, direttore di uno spazio di Arte contemporanea a Mannheim e curatore libero di grandi progetti e di grandi mostre –, il poeta flegreo Mimmo Grasso e l’architetto casertano Umberto Panarella.

La kermesse si apre dunque per la prima volta con un dibattito di accoglienza, coordinato da Annibale Discepolo del «Mattino», affidato alle riflessioni dei membri di “Scavare il futuro”: un’occasione per riflettere sui temi dell’arte e della bellezza in una dimensione sociale e sul potenziale ruolo dell’Irpinia nella cultura europea, chiosata dai penetranti versi composti e recitati del poeta flegreo Mimmo Grasso.

Special guest musicale è il grande violinista e compositore partenopeo Lino Cannavacciuolo: estroso musicista dal talento interpretativo e dal virtuosismo tecnico rari, eccezionale sperimentatore di contaminazioni fra world music e ritmi mediterranei, impareggiabile nella sua capacità di penetrare l’anima dello strumento utilizzandone al massimo le potenzialità espressive. Il ricco palinsesto musicale vede inoltre avvicendarsi, su diverse postazioni musicali, i Fluido Ligneo, i Salentorkestra e gli itineranti Batacoto, in un bazar di suoni, forme, colori che realizza appieno l’intento di evadere i confini geometrici tracciati dallo spazio architettonico.

L’obiettivo, egregiamente conseguito grazie a una meticolosa architettura di luci psichedeliche che riverbera l’installazione artistica di Luca Pugliese dal titolo Armonia discendente, è quello di disorientare, far sì che i sensi dello spettatore non trovino sosta ed equilibrio, perché affascinati e attratti in ogni direzione dalle imprevedibili linee di fuga che si dipartono dalle geometrie architettoniche delle singole “piazze”: scorci di un museo all’aperto nel quale le sculture e i disegni di Riccardo Dalisi e l’Icaro di Ciro de Falco – ormai icona simbolo di Terra Arte – accarezzano per una notte il sogno di comunicare con un pubblico di non soli adepti.



Tags : Anne Demijttenaere, Batacoto, Ciro de Falco, Fluido Ligneo, Lino Cannavacciuolo, Luca Pugliese, Riccardo Dalisi, Salentorkestra, Guardia Lombardi